In che modo la politica fiscale influisce su un'azienda?

La politica fiscale si riferisce alla spesa del governo e alle pratiche fiscali e ha un impatto essenzialmente su ogni individuo e azienda nella nazione. La politica fiscale influenza il costo del prestito, l'ammontare delle tue imposte, la quantità di denaro che il consumatore medio può permettersi di spendere e, di conseguenza, i tuoi profitti. Pertanto, la politica fiscale e le sue implicazioni sono fondamentali per la comprensione di qualsiasi piccola impresa.

Responsabilità Fiscale

Proprio come gli individui, i governi possono essere parsimoniosi o stravaganti. Quanto denaro un governo sceglie di prelevare tramite la tassazione e quale parte di questo reddito spende ha un impatto diretto sull'attività economica. Si dice che la politica del governo sia restrittiva se spende meno di quanto assorbe. Questo di solito viene fatto per ripagare il debito contratto negli anni precedenti. Se, tuttavia, il governo spende più di quanto incassa in tasse, la sua politica fiscale è espansiva. Una tale politica può essere il risultato di un piano deliberato per accelerare l'attività economica o il governo potrebbe semplicemente non essere in grado di bilanciare i suoi conti.

Politiche espansive

Come regola generale, più il governo spende, meglio è l'imprenditore. Più spesa pubblica significa più posti di lavoro pubblici, il che si traduce in una maggiore spesa dei consumatori. Gran parte della spesa pubblica passa attraverso appaltatori indipendenti per cose come la costruzione di strade, ponti e così via. Questi appaltatori ei loro dipendenti sono anche consumatori di vari beni e servizi, aumentando ulteriormente la domanda. Soprattutto se l'aumento della spesa pubblica è abbinato a una riduzione delle tasse sulle società, come parte di una politica fiscale espansiva aggressiva, le piccole imprese godranno di maggiori vendite pagando meno all'autorità fiscale, con conseguente eccellente profitto netto.

Politiche rigorose

Una politica fiscale rigorosa richiede meno spese e più tasse, entrambe le cose che colpiscono la linea di fondo delle piccole imprese. Per spendere meno, i governi di solito licenziano i lavoratori o quanto meno bloccano le assunzioni di nuovi dipendenti. I contratti vengono ridimensionati, mentre alcuni progetti non molto critici vengono sospesi o annullati. Tutti questi fattori si traducono in meno soldi iniettati nel sistema e meno spese sia da parte dei consumatori che delle aziende. Il risultato netto è una minore domanda di beni e servizi e minori vendite. Se il governo aumenta anche le tasse, l'effetto sulle piccole imprese può essere devastante.

Effetti a lungo termine

Sebbene una politica espansiva possa essere una buona notizia a breve termine, portare avanti una tale politica per troppo tempo può ritorcersi contro. Se il governo spende più di quanto prende, deve prendere in prestito per bilanciare i suoi libri. Quando l'indebitamento del governo diventa eccessivo, i tassi di interesse tendono a salire. Dopotutto, gli investitori preferiscono prestare al governo piuttosto che alle società, dal momento che il governo può, nel peggiore dei casi, stampare denaro per pagare il proprio debito. Per attirare gli investitori, le piccole e le grandi imprese devono offrire tassi di interesse più elevati. Il più alto costo del prestito può ridurre gli investimenti e le assunzioni da parte delle imprese, riducendo così l'attività economica.