Leggi ADA sul posto di lavoro

L'Americans With Disabilities Act del 1990 ha reso illegale per i datori di lavoro discriminare i dipendenti disabili o i candidati a un lavoro in base alle loro disabilità se erano altrimenti qualificati per svolgere il loro lavoro. Ai fini dell'ADA, i datori di lavoro includono governi statali e locali, datori di lavoro del settore privato, organizzazioni sindacali, agenzie per l'impiego e comitati di gestione del lavoro.

Definizione di disabilità dell'ADA

Secondo l'ADA, una persona si qualifica come disabile se ha una menomazione fisica o mentale che limita sostanzialmente una delle principali attività della vita. La legge classifica la vista, l'udito, il parlare, il camminare, la cura di sé, la respirazione, l'apprendimento, lo svolgimento di attività manuali e il lavoro come attività principali della vita. Secondo l'ADA, un datore di lavoro non può discriminare una persona se ha una di queste disabilità ma ha le qualifiche per svolgere il lavoro per il quale si è candidato o il lavoro per il quale lavora. Un datore di lavoro può specificare l'esperienza, l'istruzione, le capacità lavorative e/o le licenze necessarie per svolgere il lavoro.

Funzioni lavorative essenziali

Se una persona ha una disabilità e ha le qualifiche per svolgere un lavoro, un datore di lavoro non può discriminare quella persona se può svolgere le funzioni essenziali del lavoro con o senza sistemazioni ragionevoli. Un datore di lavoro non può prendere una decisione di assunzione perché una persona con disabilità non può svolgere un compito che non sia una funzione lavorativa essenziale. Ad esempio, un imprenditore non può lasciare andare una segretaria disabile perché la segretaria non può andare a prendergli il caffè.

Sistemazioni ragionevoli

Nel prendere una decisione di assunzione o decidere se mantenere un dipendente disabile, un datore di lavoro dovrebbe determinare se il dipendente può svolgere il lavoro con sistemazioni ragionevoli. Le sistemazioni ragionevoli includono la fornitura di attrezzature, la modifica delle attrezzature, la fornitura di un programma di lavoro part-time o modificato, la riassegnazione a un altro lavoro e il rendere l'ambiente di lavoro accessibile e utilizzabile da persone con disabilità. La legge richiede al datore di lavoro di fornire soluzioni ragionevoli per i candidati o i dipendenti disabili, a meno che ciò non provochi al datore di lavoro un disagio indebito.

Conseguenze della discriminazione

Una persona che risente degli effetti della discriminazione può ricorrere legalmente contro la piccola impresa in cui lavora o cerca lavoro. La persona può sporgere denuncia per presunta discriminazione nei confronti della piccola impresa entro 180 giorni dalla presunta discriminazione. Se lo stato in cui si trova la tua attività ha una legge sulla discriminazione delle persone con disabilità, la persona può anche presentare un reclamo a livello statale o locale entro 300 giorni dopo che si è verificata la presunta discriminazione. In uno di questi casi, se il terziario di fatto rileva che la persona ha subito una discriminazione all'interno della tua piccola organizzazione aziendale basata sulla sua disabilità, la legge fornisce un rimedio che metterà la persona nella posizione in cui si sarebbe trovata se la discriminazione non si fosse verificata . Ad esempio, se una persona fisicamente disabile non ha ricevuto un lavoro in un'azienda a causa della sua disabilità, l'ADA avrebbe diritto alla persona a lavorare in tale azienda. In tal caso, la piccola impresa non può rivalersi contro la persona disabile per aver fatto valere i suoi diritti.